Sviluppo locale

Aldeia Dignity (il Villaggio della Dignità) a Matambo in Mozambico

Siamo impegnati in Mozambico, nella provincia di Tete, in collaborazione con la nostra omologa Associação Dignity Moçambique (ADM), costituita il 06/06/2017 e riconosciuta dal Governo della Repubblica del Mozambico in data 31/01/2018, con pubblicazione sul Boletim da República serie III n. 22. Stiamo promuovendo, insieme, a Matambo, il progetto “Caminhamos Juntos” per la realizzazione di Aldeia Dignity (il Villaggio della Dignità), un processo aperto e un modello comunitario per la promozione di istruzione e formazione professionale, arte e artigianato, salute e sport, agricoltura e allevamento.
Il progetto ha ricevuto l’approvazione della comunità locale, della direzione distrettuale di Marara e di quella provinciale di Tete, della Diocesi di Tete e della CEM. Nel mese di agosto 2019 è stato presentato anche alle autorità centrali del governo del Mozambico, a Maputo: Ministério do Género, Criança e Acção Social, Ministério da Juventude e Desporto, Ministério da Saúde, Ministério dos Negócios Estrangeiros e Cooperação.

Per la realizzazione di Aldeia Dignity l’Amministrazione del distretto di Marara ha concesso un terreno di dieci ettari all’Associazione Dignity Moçambique con un documento emesso dal Serviço Distrital de Planeamento e infra-estruturas in data 04/01/2019. Attualmente il gruppo delle nostre giovani formatrici, coadiuvate dagli altri soci/fondatori locali stanno svolgendo incontri di alfabetizzazione (Augusta), arte (Rosa), giochi per l’infanzia (Rosalina), igiene e salute (Imaculada e Noemia), sartoria (Remigio), sandali e accessori (Lucia), cucina (Liliana ed Eliane), sport (Chavane e Adelia).

La comunità di Matambo

La comunità di Matambo si trova a trenta chilometri dalla città di Tete, lungo la strada che porta a Chitima e Songo. Il cosidetto “povoado” di Matambo è molto esteso ed è costituito da circa 5000 persone. Le famiglie sono composte, in media, da un numero di cinque membri. La situazione sociale è molto complessa e lo sviluppo praticamente inesistente, a causa della mancanza di infrastrutture adeguate. Nonostante la presenza, a circa otto chilometri, di una grande sottostazione elettrica, le case di Matambo non hanno ancora energia elettrica. Anche l’acqua è molto scarsa, la pompa collegata al pozzo funziona solo poche ore al giorno. Le attività produttive sono praticamente inesistenti, limitandosi alle sole attività di piccola agricoltura e allevamento legate alla sussistenza. Il percorso scolastico è limitato alle sole prime sette classi della scuola primaria, che si svolgono in tre aule. Nella comunità esiste un ambulatorio medico gestito da infermieri. La Diocesi di Tete prevede di realizzare a Matambo un complesso parrocchiale di riferimento per ventidue comunità cristiane del territorio.